Journal Content
Journal Content
Chi Siamo
 

Attività


Si evidenzia che allo stato attuale – e fino alle previste delibere di operatività della Consob -  l’OCF svolge esclusivamente la funzione di  tenuta dell’Albo unico dei consulenti finanziari, limitatamente ai consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede di cui all’art. 31, comma 2 del TUF.

Le attività di rilevanza pubblica che l’Organismo svolge come titolare in via esclusiva della funzione di tenuta dell’Albo unico dei consulenti finanziari in base all’art.31, comma 4, TUF sono esercitate nel rispetto del quadro normativo di riferimento e delle modalità organizzative e funzionali precisate dal proprio Statuto e dal Regolamento di Organizzazione e Attività dell’Organismo.

La funzione istituzionale di tenuta dell'Albo implica l'esercizio di attività principali e strumentali alla gestione dello stesso Albo quali:

  • iscrivere, negare l'iscrizione, ovvero cancellare dall'Albo previo accertamento dei requisiti prescritti
  • variare i dati e le informazioni registrati sull’Albo riguardanti gli iscritti
  • rilasciare attestati di iscrizione e cancellazione dall'Albo
  • determinare e riscuotere i contributi dovuti all'Organismo dagli iscritti, dai richiedenti l'iscrizione e da coloro che intendono sostenere la prova valutativa “nella misura necessaria per garantire lo svolgimento delle proprie attività”(art. 31, comma 4, T.U.F.)
  • organizzare e gestire la prova valutativa per l’iscrizione all’Albo

Il perseguimento delle attività istituzionali richiede che l’Organismo garantisca che la professione di Consulente Finanziario sia svolta con la necessaria preparazione professionale, verificata attraverso una selettiva prova valutativa avente carattere teorico-pratico e sostenibile in qualsivoglia sede di esame indicata nel bando pubblicato dall’Organismo nel proprio bollettino elettronico e disponibile sul portale istituzionale dell’OCF (www.organismocf.it) oltre che nel bollettino della Consob.
Ciò si traduce nell’esigenza di comunicare e divulgare conseguentemente al pubblico e agli iscritti le attività e le iniziative dell’Organismo e di promuovere la corretta percezione del ruolo del Consulente Finanziario presso il pubblico nonché dei diritti e degli obblighi connessi all’esercizio della loro attività.

 

Statuto

Lo Statuto è il primo documento organizzativo dell'Organismo integrato per le ulteriori regole di organizzazione e funzionalità dal Regolamento di Organizzazione e Attività parimenti adottato dall’Assemblea. Definisce tra l’altro gli scopi perseguiti dall'Associazione, ne statuisce i principi organizzativi, precisa gli organi associativi e le funzioni e le regole di nomina e di esclusione, i diritti e gli obblighi degli associati. Nel redigere lo statuto, l'Organismo si ispira ai canoni della trasparenza, dell'autonomia e del pluralismo e dell’equità partecipativi

Statuto

 

Regolamento di Organizzazione e Attività

Il Regolamento di Organizzazione e Attività disciplina i profili organizzativi e i principi che regolano il funzionamento dell'Organismo unitamente alle procedure adottate, al fine di garantire l’efficienza, la trasparenza e la legittimità nell'esercizio delle funzioni a rilevanza pubblica svolte.

ROA

Regolamento di Organizzazione e Attività

Allegato 1

Disposizioni di attuazione concernenti i termini di conclusione e le unità organizzative responsabili dei procedimenti dell'OCF

Allegato 2

Procedura di iscrizione all'albo unico dei consulenti finanziari

Allegato 3

Procedura disciplinante la prova valutativa per l'iscrizione all'albo dei consulenti finanziari

 

 

Codice di condotta

Con delibera del 19 giugno 2012 il Comitato Direttivo ha adottato un Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del d. lgs. 231/2001, che, come noto, ha introdotto nell’ ordinamento italiano la responsabilità degli Enti per illeciti amministrativi dipendenti da reato.

L’adozione di un Modello ex d. lgs n. 231/2001 esprime la volontà del Comitato Direttivo dell'Organismo di dotarsi di uno strumento di prevenzione e di sensibilizzazione nei confronti di tutto il personale dell’Organismo e di tutti gli altri soggetti allo stesso cointeressati.

Il Codice Etico, denominato  Codice di Condotta, è parte integrante del Modello e contiene l'insieme dei principi cui l' Organismo informerà la propria attività e quella dei soggetti che operano per suo conto. Tale Codice mira a raccomandare, promuovere o vietare determinati comportamenti, oltre a quanto già prescritto dalla normativa vigente in materia. Il Codice è rivolto a dipendenti, consulenti, collaboratori, agenti, procuratori e terzi che possono agire per conto dell’Organismo, la cui violazione costituirà inadempimento alle obbligazioni derivanti dal rapporto di lavoro o di collaborazione, con ogni conseguenza di legge o di contratto.

Elemento costitutivo dell'intero sistema delineato dal citato Decreto è la previsione di un Organismo di Vigilanza, denominato Organismo di Controllo, preposto a vigilare sul funzionamento e l'osservanza del Modello adottato, assicurandone, altresì, l'aggiornamento. L'Organismo di Controllo, nominato dal Comitato Direttivo, è dotato di autonomi poteri di iniziativa e controllo.

Membro unico dell’Organismo di Controllo è l’avv. Daniela Rocchi che durerà in carica due anni fino a novembre 2018.

Nello svolgimento dei compiti previsti dal D.Lgs 231/2001, l'Organismo di Controllo può interloquire direttamente con tutte le unità organizzative dell'Organismo al fine di ottenere informazioni e dati ritenuti necessari all'espletamento della propria attività.