Journal Content
Journal Content
Codice Deontologico
 


La natura dell'attività svolta dal consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede, la specifica professionalità richiesta e la fisiologica asimmetria informativa tra i consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede e i potenziali clienti, gli impongono una rigorosa adesione a principi di diligenza, correttezza e trasparenza, osservando, altresì, norme deontologiche: regole generali di condotta assunte spontaneamente dagli operatori del settore e contenute nei codici deontologici delle associazioni di categoria, la cui osservanza è disposta dal Regolamento Intermediari della Consob.

La puntuale regolamentazione di settore, nazionale e comunitaria, risulta condizione necessaria ma non sufficiente per la stabilità del mercato mobiliare: solo l'etica può indirizzare le scelte economiche e finanziarie dei consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede verso le soluzioni migliori per i risparmiatori.

La deontologia dei consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede, codificata dalle Associazioni di categoria, attinge al comune sentire di un insieme di valori che il consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede deve praticare e trasmettere

In ottemperanza all'obbligo di strutturare efficienti assetti di governo e sistemi di vigilanza interni in grado di scongiurare i rischi connessi all'operatività fuori sede dei consulenti finanziari, gli intermediari si dotano di un Codice di vigilanza sull'attività dei consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede che individua indicatori e possibili strumenti di intervento.

La fiducia dei risparmiatori è il primo e fondamentale requisito su cui i consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede basano le prospettive di sviluppo della loro professione. Nel mercato del risparmio è fondamentale salvaguardare e valorizzare l’autonomia dei risparmiatori, cioè la libertà di scelte di investimento, compiute nel proprio interesse, assumendosene la responsabilità coscienti dei propri diritti. Sulla base di questi principi Anasf ha redatto la Carta dei diritti dei risparmiatori, affinché le loro scelte siano consapevoli e responsabili e siano sempre garantite e tutelate