Journal Content
Journal Content
Comitato ex legge 15/17
 


Avere un cittadino consapevole favorisce la crescita civile ed economica della società e migliora il rapporto di fiducia tra mondo economico e cittadino.

Possedere un buon livello di cultura finanziaria aiuta il cittadino ad esercitare i propri diritti avendo piena consapevolezza del proprio “agire economico”.

L’educazione finanziaria costituisce una priorità nell’agenda programmatica e d’intenti di OCF.

L’alfabetizzazione finanziaria è ormai riconosciuta come un’abilità di carattere personale che mira a sviluppare conoscenze, capacità e attitudini necessarie ai cittadini sia per assumere decisioni che per accrescere il benessere individuale e collettivo.1

Il 21 febbraio 2017 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la L. n.15/17 che all’ art. 24 bis prevede, con un approccio sinergico e integrato, la realizzazione di una Strategia nazionale per l’educazione finanziaria previdenziale e assicurativa. Con tale pianificazione si intende favorire:

  • la definizione di politiche nazionali;
  • la coerenza delle iniziative già presenti e da pianificare rispetto ai fabbisogni dei cittadini;
  • la continuità dell’offerta la condivisione delle informazioni.

Per la realizzazione della Strategia nazionale è stato istituito un Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria con il compito di promuovere e programmare iniziative di sensibilizzazione e di educazione finanziaria composto da undici membri tra i quali è presente OCF.Il Comitato ha rilasciato il piano per la «Strategia nazionale per l’educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale».


Il Comitato ha inoltre promosso la prima edizione del “Mese dell’Educazione Finanziaria” dall’1 al 31 ottobre 2018.


Sul sito www.quellocheconta.gov.it sono reperibili tutte le informazioni.

 


1. OCSE PISA 2012 Quadro di riferimento analitico per la Matematica, la lettura, le scienze, il Problem solving, e la financial literacy ( 2012). Presto a maggio 2017, avremo disponibili i dati dell’indagine Pisa 2015 per nuove riflessioni.