Contenuto del Journal
Contenuto del Journal
Consulente finanziario autonomo
 


La riserva di attività di cui all’articolo 18 non pregiudica la possibilità per le persone fisiche, in possesso dei requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e patrimoniali stabiliti con regolamento adottato dal Ministro dell’economia e delle finanze, sentita la Consob, ed iscritte in una sezione apposita dell’albo […]

Testo Unico della Finanza - TUF Art. 18-bis, decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58

Come riconosciuto dall’art. 18-bis del TUF, le persone fisiche “in possesso dei requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e patrimoniali stabiliti con regolamento adottato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze” hanno la possibilità di prestare la consulenza in materia di investimenti senza detenere fondi o titoli appartenenti ai clienti.

I Consulenti finanziari autonomi svolgono esclusivamente consulenza e assistenza ai loro clienti senza entrare direttamente in contatto con i loro risparmi, ma lasciando al cliente stesso il compito di eseguire le operazioni, pur essendo supportato dal professionista indipendente.

Si tratta di un’attività che quindi spazia dall’analisi e ricerca in materia di investimenti alle raccomandazioni personalizzate su valori mobiliari e quote di organismi di investimento collettivo.